Oneri di trasferimento

  • 69 Viste
  • Ultimo messaggio 24 aprile 2017
Fabrizio73 pubblicato 21 aprile 2017

Buongiorno a tutti,

sto valutando se partecipare ad un'asta per un immobie ma nell'avviso leggo:"...l'aggiudicatario dovrà versare in cancelleria le spese di registrazione e trasferimento pari al 20% del prezzo di aggiudicazione a mezzo di....".

Visto che si parla di un bene intorno ai 100-120K il 20% sono circa 20000 euro!. Non è eccessivo? L'imposta di registro, come seconda casa essendo io un privato, dovrebbe essere intorno ai 2-2500 euro. Le spese in genere sono sono a caridco della proceduta e solo in parte a carico del'aggiudicatario?

Magari sono domande banali ma non ho molta esperienza e qualsaisi suggerimento è ben accetto.

Ringrazio in anticipo

Fabrizio 

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
astalegale pubblicato 21 aprile 2017

Se non abbiamo male inteso parliamo di un prezzo di aggiudicazione per circa 100-120 mila euro.

Le spese che le vengono indicate sono forfettarie.

L’importo che le viene richiesto è certamente eccessivo, ma è una soluzione che i tribunali adottano per evitare il rischio che l’aggiudicatario non versi le imposte dovute per il trasferimento del bene.

Le spese di trasferimento che sono a carico dell’aggiudicatario sono le spese di registrazione, trascrizione e voltura catastale.

Ad esse va aggiunto il 50% del compenso spettante al professionista delegato.

 

Si tratta di costi che, nel suo caso, saranno certamente coperti dal versamento forfettario che le viene chiesto.

Fabrizio73 pubblicato 23 aprile 2017

Ringrazio per la esaustiva risposta.

Fabrizio

astalegale pubblicato 24 aprile 2017

grazie a lei

Close